sabato 15 dicembre 2007

CAL LOOK ITALIANI #3

Third episode
MY '67 sunroof


Il maggiolino è un anno modello ’67 che ho acquistato nel maggio del 2005.
Era stato “ragnato”, ma per fortuna non venne fisicamente demolito…documenti e targhe erano ancora in regola…il colore originale era beige savana L620, ed era una “normale” versione 1200 europea. Ero partito con l’idea di farne un resto cal, poi ad agosto ’05 andai al DasDragDay #3 e venni folgorato! Faccio un cal look!!!!!!!
Ma non un cal look qualsiasi deve essere un ’67 versione USA!
Quindi impianto 12 volt, fari verticali sealed beam, fanalini rossi, contamiglia, motore 1500 H e soprattutto i tamburi a 5 fori! Contrariamente a quello che molti “esperti” sostengono la versione ’67 americana aveva sì i fari verticali e l’impianto a 12 volt ma non i dischi anteriori come i 1500 europei; i quattro freni rimasero i classici tamburi con foratura 5 x 205!

Passarono alcuni mesi, durante i quali continuai ad acquistare i ricambi, poi nel luglio ’06 inziai lo smontaggio del maggiolino, che doveva essere pronto assolutamente per il primo
EUROPEAN BUG IN del giugno 2007!

Per fortuna la carrozzeria era veramente sana, senza ruggine passante, ma venne comunque scoccata; le portiere, i cofani e i parafanghi sabbiati, tutti i fori delle modanature furono saldati, nell’occasione della riparazione del tetto installammo anche un bel tettuccio apribile in lamiera originale; mentre il “culetto” (la lamiera coprimarmitta) venne modificato ed ora è smontabile!
Anche il telaio venne carteggiato e verniciato in nero.
Pompa dei freni, ganasce, cilindretti e tubi flessibili, tutti nuovi!
L’avantreno fu modificato con un kit sway a way.
La scocca venne verniciata con un altro colore originale disponibile nel 67, bianco lotus L282.Iniziò poi il rimontaggio, ecco quindi apparire le famose t bars in alluminio, lo specchietto a pallottola d’epoca, le guarnizioni dei vetri senza modanature, le frecce lucas anteriori nos, le ghiere dei fari verniciate in tinta con la carrozzeria, i vetri laterali posteriori pop out, le pedane beige nos ed un bel cofano posteriore trasformato in versione cabriolet.
I cerchi sono dei Sud African Sprintstar originali dell’epoca calzati con due michelin ZX 135 sr 15 all’anteriore e due michelin XWX 185/70 vr 15 al posteriore.
All’interno troviamo due sedili a conchetta in vetroresina provenienti da una simca rallye prima serie, ovviamente modificati per essere montati sulla “seduta” dei sedili originali, e rivestiti, così come il sedile posteriore, in similpelle rossa con cuciture stile “fat biscuit”.
I pannelli e la moquette sono quelli originali, ovviamente nuovi.
Il cruscotto è stato privato della modanatura e delle grigliette intorno al contamiglia, e sfoggia una strumentazione speedwell d’epoca composta da contagiri, temperatura olio (questo ancora non c’è), pressione olio e amperometro.
Il volante è il classicissimo Grant in vinile nero e la leva del cambio è una Hurst d’epoca.


Il cambio è rimasto d’origine, mentre il motore 1500 H è stato completamente revisionato e migliorato DAL Giovanni e monta un kit di doppi carburatori da 34 della empi per motori ad aspirazione singola, ovviamente rivisto e corretto, albero a cammes Engle w110, puleggia graduata in alluminio, spinterogeno Bosch 010 , scarico 4 in 1 e silenziatore california verniciati in bianco come si usava all’epoca, gli scambiatori di calore sono stati eliminati e sostituiti da due J tube.
Nel cassetto c’è sempre il progetto di un bel 1776 cc con due grossi 48 IDA…


6 commenti:

Manovra ha detto...

Super stilosa!!!! GO GO GOOOOOOOOOOOOOOOOO

The Italian Drop ha detto...

impeccabile!!
bellaaaaaaaa

Il Giovanni ha detto...

l'intérieur est infernal

Bandito ha detto...

sbavo.. molto bella... ci vogliono gli IDAAAAAAAAAAAAAAAAA...

Carlo ha detto...

Gracias!

Prima o poi arriveranno anche gli IDAAAAA!!!!!!!!!!

:-) :-) :-)

Carvy ha detto...

bella davvero!complimentoni!